GLS espande FlexDeliveryService in Europa

GLS

GLS espande FlexDeliveryService in Europa

GLS espande FlexDeliveryService in Europa

Il fornitore di servizi di pacchetti GLS ha ulteriormente ampliato la sua FlexDeliveryService internazionale.

Aggiungendo nuovi Paesi, FlexDeliveryService è ora disponibile in dodici paesi connessi in Europa centrale ed orientale.

Con il servizio, i trasportatori on-line saranno informati sulle consegne previste e possono decidere quando e dove vogliono prendere la consegna dei pacchetti.

Secondo GLS, la domanda di servizi internazionali è in aumento grazie alla crescita della e-commerce transfrontaliera.

E ampliando il proprio servizio, la società afferma di offrire ai mittenti nuove opportunità di crescita, dando ai consumatori accesso a nuovi prodotti.

FlexDeliveryService di è ora disponibile in Austria, Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Croazia, Ungheria, Slovacchia, Slovenia e Romania. Questi paesi sono tutti legati tra loro, che consente a GLS di avere una singola regione interconnessa per la sua FlexDeliveryService. Ma l'obiettivo di è avere un servizio flessibile di consegna a livello europeo. L'integrazione della Danimarca e della Francia è già in corso, mentre GLS offre anche la consegna flessibile in questi paesi per i pacchi inviati da Belgio, Germania, Lussemburgo, Austria e Polonia

Informazioni su FlexDeliveryService
FlexDeliveryService è un servizio internazionale di consegna da parte del fornitore di servizi di pacchetti GLS, che aiuta gli acquirenti online a prendere consegna di beni acquistati in negozi online stranieri. I clienti di uno dei paesi collegati possono scegliere tra diverse opzioni di consegna nel proprio paese d'origine, come la consegna dei pacchetti in un giorno desiderato o il pick-up presso un GLS Parcelshop. In alcune regioni, GLS fornisce anche parcelle alla sera, in un luogo sicuro stabilito o lasciarlo per la raccolta presso un terminale di un armadio.

GLS espande FlexDeliveryService in Europa ultima modifica: 2017-05-29T13:36:46+00:00 da Stefano Doge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *